top of page

mar-apr 2024 | La villa e il parco Bernini-Buri di Verona

villa buri2_edited.jpg

Compie idealmente 450 anni la villa Bernini-Buri, una delle più inaspettate residenze aristocratiche di Verona. L'eccezionalità di questo luogo è dovuta innanzitutto al fatto di trovarsi nella periferia più prossima di Verona, a pochi minuti dal centro storico, ma soprattutto dalla sorprendente estensione del suo parco di più di 13 ettari, completamente aperto al pubblico, con vaste aree prative e boschive in riva all'Adige.

La proprietà è documentata appunto dal 1574, ma il cantiere e le trasformazioni sono soprattutto seicentesche, per volontà del conte Alessandro Buri, e con il progetto di Domenico Brugnoli, nipote del più celebre Michele Sanmicheli.

La villa possiede rari affreschi settecenteschi che raccontano della villeggiatura estiva della nobiltà veronese, tra gioco d'azzardo, musica e sollazzi aristocratici: il canto del cigno della Serenissima, descritto e tramandato inconsapevolmente nel momento e nel luogo in cui esso veniva vissuto.

La storia della villa e della famiglia attraversano la storia e l'evoluzione agraria e sociale fino alle "connivenze" durante il Ventennio e ad amari episodi alla fine della Guerra.

gen-feb 2024 | Il Palazzo del Sacrificio detto "dei Mutilati" di Verona

Compie novant'anni un edificio molto speciale, nel cuore di Verona: il Palazzo "del Sacrificio", detto anche Palazzo dei Mutilati e Invalidi di Guerra.

Il palazzo, inaugurato nel settembre 1934, aveva la funzione di ospitare uffici e ambulatori per i Mutilati e gli Invalidi della prima guerra mondiale, ma anche di ospitare adunanze e celebrazioni a omaggio dei veterani. L'associazione promotrice, l'ANMIG, era stata fondata già nel 1917, ma a Verona, così come in molte città italiane, il mito della Grande Guerra e dei suoi eroi divenne tale solo con la presa del potere da parte del Fascismo, la cui ascesa era stata sostenuta anche da reparti dell'esercito, che trovarono in Mussolini uno dei pochi politici disposto a raccoglierne frustrazioni e delusioni.

L'edificio, progetto dei fratelli Banterle, si colloca nella corrente detta "stile littorio", la versione più intimamente italiana del razionalismo novecentesco, perché trae spunto dall'architettura classica, ma senza fronzoli e con nitore tipicamente marziale.

Una delle ragioni per cui questo palazzo è davvero unico, è che tanto l'esterno, quanto i suoi arredi interni, sono rimasti immutati in questi 90 anni, così come la sua funzione: l'edificio ospita ancora l'ANMIG, ma oggi è anche un luogo dedicato alla storia, alla didattica, e vi si svolgono regolarmente congressi e concerti di opera lirica.

P1310037.JPG

2023 | La fortezza acquatica di Peschiera, patrimonio UNESCO

Peschiera porta brescia.jpg

Peschiera del Garda ha festeggiato nel 2022 i suoi primi 5 anni di riconoscimento del titolo di Patrimonio dell'Umanità conferito dall'Unesco nel 2017.

Si tratta di una cittadina molto speciale per la sua posizione geografica: essa sorge infatti su alcuni isolotti nel punto in cui le acque del Lago fluiscono nell'emissario, il fiume Mincio. Tra lago e fiume dunque, nacque "Arilica" romana, importante per i traffici commerciali lungo le vie d'acqua interne; posizione che divenne strategica anche sul piano militare quando il lago iniziò a configurarsi come frontiera tra le signorie basso-medievali prima, e gli stati di Venezia e di Milano durante il Rinascimento. L'aspetto attuale, di grande fortezza d'acqua caratterizzata da possenti bastioni e due belle porte cinquecentesche, risale proprio al momento di massima frizione tra la Repubblica di Venezia e i suoi vicini, non solo Milano, ma anche l'Austria, in seguito alla guerra contro la Lega di Cambrai (1509-17).

Dopo essere stata piazzaforte austriaca negli anni del Risorgimento, Peschiera conobbe un lungo oblio, fino al suo risveglio nel Dopoguerra come località turistica internazionale.

2022 | Madonna della Corona, il santuario nella rocce

Spiazzi, frazione di Ferrara di Monte Baldo, è un piccolo borgo montano della provincia di Verona, che ospita uno dei santuari più belli d'Italia. La "Madonna della Corona" sorge tra crepacci rupestri, aggrappata alla roccia scoscesa sulla Valdadige, nel luogo ove già nel medioevo sorgeva un romitorio. A partire dal Trecento, sotto l'egida dei Cavalieri del Santo Sepolcro, il Santuario iniziò a ricevere donazioni dai nobili locali e a conoscere un inarrestabile processo di ingrandimento dei suoi spazi. Grande impulso al rinnovo dell'edificio venne dopo il 1522, anno in cui secondo la leggenda, apparve una miracolosa statua della Pietà misteriosamente "volata" dall'isola di Rodi, che in quell'anno veniva strappata dai Turchi alla Serenissima.

L'aspetto attuale del Santuario è soprattutto neogotico ottocentesco, uno stile che ha sposato l'ambiente circostante, fatto di guglie, rocce, picchi e boschi, creando un connubio affascinante, evocativo e molto spirituale tra natura e architettura.

mad cor 2.png

2021 | San Giorgio di Valpolicella, detto "Inganna-Poltron"

san giorgio valpo_edited.jpg

San Giorgio, frazione di S. Ambrogio, è considerato uno dei borghi più belli d'Italia. La caratteristica distintiva è l'utilizzo della pietra e del marmo locale in tutti gli aspetti architettonici dell'abitato, oltre che la splendida posizione panoramica sulla Conca d'Oro e sul Garda.

Il toponimo "Inganapoltròn" è di dubbia origine: deriverebbe secondo i più dalla ingannevole posizione scoscesa.
Il cuore del borgo è la pieve romanica, sorta nel XII secolo con materiale recuperato da un tempio romano dedicato al Sole e alla Luna, centro spirituale e politico degli Arusnati, popolazione locale di probabile origine retica.
In età longobarda la chiesa assunse anche funzioni amministrative, e nel periodo delle crociate divenne una pietra miliare della presenza templare nel Veronese.

Gli interni sono sobri, ma di grande interesse sono i capitelli zoomorfi del chiostro, i rilievi scolpiti nell'altare, e gli affreschi romanici ben conservati. 

bottom of page